Un lungo week-end in Slovenia

Eccomi tornata con un altro articolo sulla Slovenia! Come vi avevo detto, sono partita da Milano e in poco meno di 5 ore ero già a Lubiana. Avendo a disposizione 3 giorni per visitare la Slovenia (grazie Pasqua che sei caduta proprio a cavallo con 3 giornate fantastiche di sole!) ho deciso di intraprendere un itinerario che, su per giù, è stato il seguente:

  • Sabato -> visita di Lubiana
  • Domenica -> visita alla gola di Vintgar e al lago di Bled
  • Lunedì -> visita alle grotte di San Canziano

Da Lubiana parte quindi questa nuova avventura! La cittadina mi ha affascinata fin da subito. Colorata, allegra, ordinata. Una piccola e accogliente bomboniera, pronta per essere scoperta! L’intera giornata di sabato è stata dedicata alla visita della città. La biblioteca, la cattedrale, il bellissimo mercato centrale, il ponte dei draghi, il ponte triplo e la piazza civica.

Tutti facilmente raggiungibili a piedi attraverso le graziose strade di Lubiana. Il mio viaggio è poi continuato verso il castello sulla cima della collina Grajska Planota. Si può optare per due strade: salire a piedi o con una funicolare. La scelta sta a voi! Il castello è molto affascinante e dall’alto offre una vista a 360° sull’intera città. Al suo interno potete comodamente trovarci anche un bar dove poter recuperare le energie!

Per quanto riguarda la visita alle stanze del castello mi è stata sconsigliata per questo ho optato solamente di passeggiare nel cortile e scattare qualche fotografia (in ogni caso, qualche stanza era facilmente accessibile anche senza aver fatto il biglietto…che resti un segreto, mi raccomando!). Penso sia evidente che ormai, strutture come questa, si sono trasformate unicamente in attrazioni turistiche (nel castello di Lubiana si svolgono concerti, eventi culturali, mostre e spettacoli), perdendo così un po’ del loro fascino tradizionale.

Ma proseguiamo il nostro giro, ovviamente dopo un bel gelato! Dirigendoci un po’ verso la periferia di Lubiana, possiamo trovare un quartiere…molto particolare! Di posti strani infatti posso dire di averne visti ma Metelkova quartiere degli artistiè davvero qualcosa di fuori dal comune. Questa zona è occupata dal 1993 da un’associazione indipendente di artisti (un po’ alternativi direi) i quali volevano proteggerla dalla demolizione! Col passare del tempo questo quartiere è diventata un laboratorio di arte a cielo aperto. Si possono trovare cose davvero strane, mosaici su intere pareti, sculture di ogni genere e dimensione, uno strano “parco giochi” dove ci si può ritrovare per bere qualcosa, tamburi che suonano appena ci passi davanti!

La prima giornata è giunta quasi al termine, non ci resta che andare a cena – in una tipica birreria del posto – per gustarsi le salsicce tradizionali. Però, ATTENZIONE! Alcune, non tutte, sono piccanti. Qualcuno potrebbe finire con le lacrime agli occhi e un gran bruciore in gola! Ovviamente, me compresa!


E’ domenica e sono le 8, la sveglia già suona da 10 minuti abbondanti: direi che è ora di alzarci! Una rapida colazione al bar e via, si parte di nuovo, destinazione: gola di Vintgar, inserita per la sua bellezza nel patrimonio naturale della Svovenia!
La gola del Vintgar è lunga 1,6  km, e si snoda lungo un percorso scavato tra le pareti dei monti Hom e Boršt dal torrente Radovna.

Il percorso è molto affascinante e completamente immerso nella natura che regala dei paesaggi incredibili. La gola può essere facilmente attraversata grazie a delle passerelle in legno e piccoli ponti che qua e la attraversano il fiume. La bellezza di questo posto è molto rara, i colori sembrano disegnati, rimarrete a bocca aperta! Il mio consiglio è quello di andarci in mattinata, il più presto possibile. Questo posto sta diventando velocemente una meta turistica ambita e con facilità ci si può ritrovare a “fare la fila” sulle passerelle in legno per la troppa affluenza. La visita in ogni caso merita molto (in inverno, da novembre fino agli inizi di marzo rimane chiusa)!

Altro giro altra corsa! E via, destinazione: Lago di Bled! Ne avete mai sentito parlare? Mi riferisco a una delle mete di villeggiatura più gettonate di tutto il paese.  Ormai è letteralmente preso d’assalto, non per altro, per trovare un posto dove poter parcheggiare l’auto ci è voluta la bellezza di un’ora! Ma, appena scesi, tutto passa. La bellezza di questo lago lascia a bocca aperta. Davvero, è il lago delle fiabe!

Per fare il giro completo del lago bisogna percorrere solamente 6km e si può decidere se percorrerlo a piedi o noleggiare una bicicletta. In ogni caso, state tranquilli, vi imbatterete sicuramente in un bar che vi tenterà con la classica torta di Bled la così detta Blejska kremna rezina protagonista indiscussa della pasticceria slovena! Vi sfido a resistere a non assaggiarne almeno un pezzetto!

Al lago di Bled è anche possibile visitare il castello situato in cima ad una collina – raggiungibile in circa 20 minuti – e la chiesetta situata sull’isoletta in mezzo al lago. Un consiglio è quello di dedicare un’intera giornata per godersi appieno di questo posto. E perchè no, si può anche decidere di fare un giro sulle barche tradizionali – Pletna. Per finire bene la giornata (da veri italiani, aggiungerei) una bella pizza!


E’ lunedì e Lubiana ci accoglie con un’altra splendida giornata di sole. Preparata la valigia – e fatta assolutamente colazione (non si può mica iniziare la giornata senza!) – si carica la macchina e via ancora. Però per l’ultima volta. Direzione: Grotte di San Canziano, il cuore segreto della Slovenia! Questa grotte si trovano a solo 15km da Trieste ed, essendo praticamente sulla strada del ritorno, sono state inserite come tappa dell’itinerario! Queste grotte sono davvero sorprendenti, immense, ci si sente davvero piccoli. Ovunque si trovano stalattiti e stalagmiti, anche di dimensioni straordinarie e la sala più bassa è a 146m (sotto terra!). All’interno della grotta è vietato l’uso di fotocamere, anche perché la luminosità è piuttosto scarsa e gli scatti verrebbero davvero bui. Quindi non ci resta che passeggiare accompagnati dalle spiegazioni della guida!

Una volta finita la visita – che dura all’incirca 2h e mezza – non ci resta che tornare verso casa. La Slovenia ha un fascino particolare, che ti regala spettacoli delle natura a perdita d’occhio. La Slovenia è da visitare, magari con più calma, con qualche giorno in più. Sono sicura che ve ne innamorerete anche voi!


Per vedere tutte le foto, ricordati di seguirmi su Instagram!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: